Blog

Filantropa, amica, mentore: intervista a Esther Zehntner

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Filantropa, amica, mentore: intervista a Esther Zehntner

 World YWCA ha intervistato Esther Janine Zehntner, una filantropa che da 70 anni condivide i suoi  talenti, esperienze e conoscenze con il movimento YWCA

 

Svizzera di nascita, Janine Esther Zehntner, ci accoglie nel suo bellissimo appartamento di Basilea con vista sulla città e sulle colline circostanti.

Come è successo che ti sia unita al YWCA?

E’ successo e basta. Diciamo che da 70 anni a questa parte ho con YWCA una relazione basata sulla continuità. Ho svolto molti ruoli all'interno del movimento. Ho iniziato da bambina nei campi estivi e invernali, sono diventata un giovane leader, poi giovane segretario locale e come tale responsabile di molti campi. Ho cominciato a formare e poi addestrare altri. Dal livello locale sono passata a quello nazionale; sono stata Presidente nazionale, poi sono passata all’attività internazionale, facendo parte del personale d'oltremare, in diversi paesi in Africa –   Ho fatto anche cose che non avrei mai pensato di fare – Tipo il tesoriere di un ostello YWCA! Ogni esperienza è stata unica e preziosa a modo suo. Ho imparato che come leader bisognava rimanere amica dei bambini e che come insegnante dovevo essere una guida per la conoscenza, le idee e la formazione. D’altro canto, l’istruzione mi ha chiarito l’esperienza che avevo acquisito lavorando nei campi estivi e invernali. Ora sono tornata alle origini come amica del movimento, partecipando in qualsiasi veste e condividendo   il mio tempo, le mie risorse (anche pecuniarie), con esso. E’ stato un dare e prendere. Il movimento trae vantaggio dalla mia leadership e conoscenza e io traggo beneficio dalle esperienze e dalle opportunità di leadership che il movimento mi ha dato e mi sta ancora dando. Non tutto quello che ho fatto è stato buono o di successo, alcune delle mie azioni hanno causato confusione o non hanno avuto esiti positivi. Quando agisci puoi finire in un "vicolo cieco”. A quel punto bisogna voltarsi e affrontare gli errori; è duro ma utile.

 

Qual è la più grande forza del movimento YWCA?

Il movimento YWCA è come la famiglia, una sorta di famiglia patchwork. Quando fai parte del movimento, ci sei dentro – a livello personale, professionale e altro ancora. È come avere una connessione ad una radice, a prescindere da quello che fai all’interno: sono donne per le  donne, le giovani donne e le ragazze hanno l'opportunità di far parte di questa rete mondiale, hanno l'opportunità di costruire il loro percorso da leader..... Non importa a quale livello, locale, nazionale, regionale, globale – movimento, membri, istituzioni, scuole, ostelli, gruppi di difesa, istituzioni religiose e persino governi. Per me, YWCA è un vero esempio di un mondo inclusivo. Non importa quello che fai nella YWCA, sei sempre connesso alla radice.

Al World YWCA crediamo nel potere delle giovani donne per trasformare le strutture di potere. Sappiamo che quando investiamo nella leadership delle giovani donne, la trasformazione può davvero avere luogo

 

Perché pensi che valga la pena investire nel movimento YWCA, condividendo e donando?

YWCA è una struttura che ti fa avere fiducia nelle strutture. Strutture che aiutano le donne a trasformare le dinamiche di potere e ad essere protagoniste consapevoli della loro vita. Investire nel mondo YWCA non significa necessariamente donare denaro. Essere un amico, collegare più membri e amici alla rete; si può partecipare in vari modi alla vita del YWCA – impegnarsi comunque, per una durata più breve o più lunga, e ancora, e semplicemente, donare.

 

Ma perché qualcuno dovrebbe scegliere di dare al YWCA?

Credo che ci siano due tipi di persone che investono nella YWCA: quelle che credono nella causa della leadership delle giovani donne e quelle che donano relativamente a singole iniziative o cause che riguardano le donne. Decidere di investire nella causa della leadership delle giovani donne, che è fondamentale per il cambiamento del mondo, è il massimo con cui si può contribuire. Stai veramente aiutando a trasformare le strutture di potere investendo in un metodo di costruzione della leadership. D'altra parte, se si sta donando per una singola causa, si sta comunque partecipando a contribuire al buon funzionamento di una azione particolare orientata all'azione generale.

A volte, è molto più facile dare per una causa che per l'elemento di leadership perché la leadership non è immediatamente tangibile. Tuttavia, l'impatto a lungo termine dell'investimento nella leadership delle giovani donne e delle donne va ben oltre in termini di raccolta dei benefici. Investire nella leadership delle donne significa che si sta investendo in qualcosa di rivoluzionario. Ora più che mai sappiamo che il mondo ha bisogno di donne leader per creare il cambiamento. In un mondo in cui tutto ciò che facciamo è politico, investire nella leadership facendo donazioni aperte, è il modo per creare sistemi che trasformano costantemente le strutture.

 

Come pensi che il movimento possa muoversi con i tempi che cambiano?

Permettetemi di fare un esempio. Molti decenni fa, durante un YWCA Ski Camp, nel nostro tempo libero io e altri due leader siamo andati a sciare. Scendevamo da una pista ufficiale quando abbiamo avvistato una valanga diretta verso di noi. Mi sono rivolta ai membri del mio team e, indicando degli alberi, ho chiesto di dirigersi tutti da quella parte per trovare riparo. Improvvisamente, la valanga si è mossa come un tappeto volante intorno a noi, mentre rimaneva in superficie. È stato un momento molto pericoloso. Siamo stati in grado di metterci a riparo. Sconvolti e scioccati, in pochi minuti, ci siamo raccolti, calmati e tutti e tre abbiamo preso la decisione di dividerci per allertare gli Skilift, le autorità e il nostro campo. Siamo riusciti a sopravvivere grazie al tempismo con cui abbiamo agito. Ma, molto importante, abbiamo preso una decisione insieme, ci siamo dati conforto e siamo stati saggi nel decidere di andare in tre direzioni diverse per evitare altre conseguenze catastrofiche. Questa storia e la lezione che ne ho tratto mi hanno aiutato per tutta la vita.

Come si connette la storia alla domanda che mi hai fatto? Cambiamenti improvvisi stanno avvenendo ovunque in questo momento. E ora più che in passato, questo movimento è ciò di cui il mondo ha bisogno. È fondamentale migliorare con i tempi. I cambiamenti nei mezzi di comunicazione hanno sicuramente reso la vita più facile ora. Ma i principi che ho appreso allora -   rimanere calmi, agire in tempo e agire per prevenire ulteriori danni - rimangono modalità di azione tipicamente YWCA. Nessun corso, nessuna istruzione può insegnarvi i metodi di gestione delle crisi che questo movimento ci ha insegnato. Adattarsi ai cambiamenti è ciò che il movimento deve continuare a fare, mantenendo i valori fondamentali e condividendo le esperienze.

 

Secondo la sua esperienza, come pensa che il mondo possa sostenere meglio le donne e le giovani donne?

Le donne hanno un approccio al sostegno di gruppo. E le donne YWCA seguono sicuramente questo approccio. Credo che per sostenere meglio le giovani donne e le ragazze, dobbiamo veramente ascoltarle relativamente all’idea di futuro che vogliono. Un vero processo di impegno nella consultazione è fondamentale per noi per co-sviluppare un futuro in linea con le loro richieste. Il mondo deve smettere di dire alle giovani donne cosa devono fare... perché I giovani sono consapevoli dei loro bisogni, sogni e desideri. Quello che dobbiamo fare ora è muoverci insieme in cluster per sostenerli. Ciò che è critico di questo approccio cluster è che si sofferma sul rispetto reciproco e la condivisione di competenze e conoscenze. Questo è veramente il modo in cui il movimento deve operare.

 

Puoi condividere una storia interessante su come il tuo viaggio nel YWCA ha cambiato la tua vita e ti ha trasformato?

Sono stata la prima giovane presidente nazionale YWCA eletta sotto i 30 anni. Accadeva nel 1969 ed ero, allora, un caso unico. La storia di quel periodo di disordini studenteschi è interessante quanto quella a cui stiamo assistendo.  Quegli anni cambiarono la struttura delle società ma in YWCA noi giovani membri della Commissione nazionale vedevamo che le sedie erano occupate da troppi anni dalle stesse donne. La Presidente nazionale era alla fine del suo mandato. Era ora di cambiare. Un gruppo di lavoro di cui facevo parte ha avviato consultazioni e scritto una nuova costituzione che abbiamo presentato correttamente al Consiglio. Questa è stata sorprendentemente accettata, rivista e portato all'Assemblea generale. Ho pensato che il gruppo di lavoro si sarebbe candidato per l'elezione a questo nuovo consiglio, ma loro pensavano di aver già fatto il giusto facendo muovere le cose. Sona stata eletta come Presidente nazionale ad interim. Subito dopo il World YWCA di Ginevra mi ha chiamato perché condividessi con loro tutto quello che era successo. Lì Elizabeth Palmer a cui piaceva il mio coraggio mi ha affidato delle responsabilità ed ha continuato a farlo per molti anni. Grazie alla sua fiducia ho avuto la possibilità di portare avanti i programmi  in 10 paesi dell'Africa (1971-1979), non singoli progetti, no, il loro programma! Sono stata accettata ovunque come una di loro. Questo ha veramente trasformato la mia vita in meglio e l’ha resa straordinaria

Due frasi di speranza che ti senti di condividere per le donne e le giovani donne del movimento.

Sono due le massime che hanno guidato tutta la mia vita: "Allarga lo spazio della tua tenda". (Jesaja 54.2) e "la donna che fa politica non sta né a destra né a sinistra, cammina!" Esorto le donne che mi sono intorno a continuare ad avere il coraggio di imparare, cambiare, guidare, aiutare, sostenere e condividere la solidarietà e la sorellanza. C'è così tanto che possiamo imparare gli uni dagli altri. Accettarsi l'un l'altro è fondamentale per garantire la creazione di una struttura orizzontale ed efficiente, in cui ognuna partecipa e sente il bisogno di contribuire a rendere il mondo un posto migliore. In questo modo, ci sentiamo tutti uno con il World YWCA.